Illustrazione realizzata da Federica Fabbian

Mag 22, 2020 | 0 commenti

Due grucce

Tre finestre più in là del bonsai, c’è la stanza di un ragazzo. Non so chi sia, non credo nemmeno di volerlo sapere. Ogni tanto, la sera, lo vedo entrare per poi uscire subito, dimenticandosi la luce accesa. Non so che stanza sia, da fuori sembra vuota, ci sono solo due grucce appese da due anni almeno. Fino a qualche mese fa, a far compagnia a quelle grucce, c’erano delle camicie bianche. Oggi le camicie bianche non ci sono più, non so per quanto altro tempo ancora quelle due grucce resteranno spoglie. In bilico anche loro nell’attesa di tornare a sentirsi vive.

Racconto di Giulia 

Ultimi articoli

Leggi con noi

Micrologo

Tutte le mattine mi siedo al mio tavolo di lavoro, lo studio si trova all’ultimo piano e dalle alte finestre, oltre al cielo e alla chioma degli alberi, si vede un elegante edificio arricchito da un bugnato liscio che confina con un’anonima facciata cieca. 

leggi tutto

Il colore del vento

Tutte le mattine mi siedo al mio tavolo di lavoro, lo studio si trova all’ultimo piano e dalle alte finestre, oltre al cielo e alla chioma degli alberi, si vede un elegante edificio arricchito da un bugnato liscio che confina con un’anonima facciata cieca. 

leggi tutto

Seguici

Aiutaci a spargere la voce... Aiutaci a condividere quest'idea...
Aiutaci ad accendere altre finestre.

News

Iscriviti alla nostra newsletter

Ti terremo aggiornato su racconti e novità non perdertela !

Pin It on Pinterest

Share This