Illustrazione realizzata da Orma Vaga

Apr 26, 2020 | 0 commenti

In coda al gate

Il mio nome è Elena e, non ci crederete, ma sono emozionata nel mettere per iscritto le mie sensazioni. Quando ho capito che sarei dovuta rimanere in quarantena, un senso di smarrimento mi ha subito assalita. 

Ho cercato di reagire al meglio fin dall’inizio, investendo il tempo per il mio futuro lavorativo: disegni, webinar, design, libri e tanto altro. Ma nonostante questo, ammetto che le giornate le passo con un pensiero fisso: il mio ragazzo vive in Germania e non so quando potrò rivederlo.

Ormai siamo lontani da quasi due mesi. Inizialmente eravamo contenti di sentirci e vedersi con le videochiamate, ma ora non basta più. Manca una carezza, un abbraccio, il suo tono di voce, insomma manca tutto di lui. Ho trovato un “trucco” per andare avanti, alcune volte funziona altre volte meno. Il trucco è di sognare costantemente l’adrenalina, l’agitazione positiva di quando sarò in coda al gate, pronta a prendere il primo volo per raggiungerlo. L’emozione nell’incontrarsi appagherà queste settimane di grande sacrificio.

Ultimi articoli

Leggi con noi

Micrologo

Tutte le mattine mi siedo al mio tavolo di lavoro, lo studio si trova all’ultimo piano e dalle alte finestre, oltre al cielo e alla chioma degli alberi, si vede un elegante edificio arricchito da un bugnato liscio che confina con un’anonima facciata cieca. 

leggi tutto

Il colore del vento

Tutte le mattine mi siedo al mio tavolo di lavoro, lo studio si trova all’ultimo piano e dalle alte finestre, oltre al cielo e alla chioma degli alberi, si vede un elegante edificio arricchito da un bugnato liscio che confina con un’anonima facciata cieca. 

leggi tutto

Seguici

Aiutaci a spargere la voce... Aiutaci a condividere quest'idea...
Aiutaci ad accendere altre finestre.

News

Iscriviti alla nostra newsletter

Ti terremo aggiornato su racconti e novità non perdertela !

Pin It on Pinterest

Share This