Illustrazione realizzata da Magda Azab

Apr 22, 2020 | 0 commenti

Indaco e Saudade

Albeggiava.

Le lettere della mia tastiera erano mute da ore. La pagina di Word se ne stava lì, intonsa, la barra della digitazione che lampeggiava, come in attesa. In sottofondo, le note di una playlist. Abitavo all’ultimo piano di un palazzo del centro ed ero affacciato al davanzale della finestra. L’aria del mattino profumava di indaco e saudade. Cercavo un’ispirazione.

Molti vicoli erano ancora nascosti nell’ultimo buio. I semafori flirtavano in codice morse, così nessuno poteva capirli. I lampioni rimasti a bighellonare in giro, sbadigliavano e cominciavano a spegnersi uno dopo l’altro. C’era persino un gatto che miagolava nella penombra di una siepe. Mi sembrava quasi che piangesse. Forse la luna era svanita troppo presto e gli aveva spezzato il cuore.

Scrivere è come avere un appuntamento, pensai, mentre la notte sbiadiva per le strade. Sei davanti a un portone, o seduto al tavolo di un ristorante giapponese…e aspetti. Se guardi abbastanza a lungo, vedrai qualcuno: una ragazza in riva a un lago, per esempio. Oppure una donna che suona il piano, o un uomo che bacia suo figlio sulla fronte. Non importa. Prima o poi, qualcuno arriva sempre.

La Città Sotto si stava svegliando. La osservai rigirarsi per qualche istante fra lenzuola di luce rosea, cullata dal silenzio. Poi, le timide dita dell’alba sfiorarono gli alberi nei viali e le strade si inarcarono, intirizzite per la lunga notte. Vidi palazzi sgraziati stiracchiarsi nel primo chiarore e scuotere dal torpore i comignoli, che si voltarono imbronciati dall’altra parte e ficcarono la testa sotto guanciali di fumo. I fili per stendere il bucato, tutti spettinati, mugolarono qualcosa a proposito delle correnti d’aria notturna. I campanili sorrisero ai loro primi riflessi nell’acqua delle fontane e si alzarono sovrastando il buio.

Le dita mi prudevano. Dopo la notte insonne, finalmente stava per arrivare qualcuno all’appuntamento, ne ero certo. Mi sporsi di più e cominciai a scrutare ogni via della Città Sotto, alla ricerca di un passante qualsiasi.

“Forza, fatti vedere…”

Ai miei occhi si aggiunsero quelli delle piazze, che subito ammutolirono.

I marciapiedi si guardarono intorno insonnoliti.

I balconi si affacciarono esterrefatti dalle case popolari.

I monumenti sgranarono gli occhi per lo stupore.

La Città era deserta. Le porte erano ancora tutte chiuse, le serrande dei negozi abbassate, le finestre sprangate. Strinsi le dita sul cornicione fino a sbiancare le nocche. No, non è possibile, mi dissi. Prima o poi, qualcuno arriva sempre. DEVE arrivare.

Passarono i minuti. Un cane abbaiò in lontananza e sentii l’eco dei suoi latrati riecheggiare fra i quartieri vuoti. Le ultime note della mia playlist si dissolsero. Calò un grande silenzio.

Un brivido gelido percorse i muri tatuati della Città nuda, le sue mani di vetro corsero a drappeggiarsi l’ultimo lembo di aurora sulle spalle. In tutti quegli anni non si era mai risvegliata sola.

Si guardò intorno smarrita, poi si accorse di me. Un refolo di vento mi portò la sua voce. Tremava.

“Che cosa è successo al mondo?” mormorò, “Dove sono tutti?”

Ultimi articoli

Leggi con noi

Micrologo

Tutte le mattine mi siedo al mio tavolo di lavoro, lo studio si trova all’ultimo piano e dalle alte finestre, oltre al cielo e alla chioma degli alberi, si vede un elegante edificio arricchito da un bugnato liscio che confina con un’anonima facciata cieca. 

leggi tutto

Il colore del vento

Tutte le mattine mi siedo al mio tavolo di lavoro, lo studio si trova all’ultimo piano e dalle alte finestre, oltre al cielo e alla chioma degli alberi, si vede un elegante edificio arricchito da un bugnato liscio che confina con un’anonima facciata cieca. 

leggi tutto

Seguici

Aiutaci a spargere la voce... Aiutaci a condividere quest'idea...
Aiutaci ad accendere altre finestre.

News

Iscriviti alla nostra newsletter

Ti terremo aggiornato su racconti e novità non perdertela !

Pin It on Pinterest

Share This