Illustrazione realizzata da Sperdute Illustrazioni

Mag 21, 2020 | 0 commenti

La nostra vita è cambiata

Ciò che abbiamo definito un film fantascientifico, Contagio, purtroppo si è  avverato. Un virus insidioso, subdolo e mortale ha stravolto il nostro modo di vivere. Questa pandemia iniziata in Cina ha proseguito la carneficina in Italia e poi man mano nel resto del mondo. Nel nostro paese non c’è stata subito l’allerta ma poi, con il susseguirsi di contagi, siamo stati obbligati all’isolamento per tutelarci. 

Le nostre abitudini sono cambiate, la nostra vita è cambiata. Ci sono risvolti positivi però: io abito con mio figlio, prossimo alla maturità ed ora passo più tempo insieme a lui. Gioiamo dei piccoli momenti, come guardare un film, cenare assieme, mentre prima tutto era scontato.  Quando guardo fuori dalla finestra mi domando se stia accadendo realmente,  se si tratti di un incubo, e se ne uscirò? 

Quando terminerà questo maledetto covid 19 di mietere vittime? 

Si avvicina il 4 maggio e le nostre restrizioni sulla libertà verranno allentate. La prima cosa che farò sarà andare a vedere mia madre anziana che non vedo da 2 mesi. Non potrò riabbracciarla ma per me sarà bello comunque. Ci faremmo una bella chiacchierata davanti a una tazza di caffè. Queste sono le cose belle della vita per me, cose semplici cose ma di immenso valore.

Non si ritornerà più alla vita che facevamo prima; quando siamo al supermercato o  in farmacia siamo nascosti da mascherine e armati di  guanti, ci guardiamo negli occhi cercando di capire chi c’è di fronte a noi. Siamo tutti sconosciuti , diffidenti e ci guardiamo tutti come appestati. Anche se si troverà una cura o un vaccino, non si tornerà più alla vita che facevamo e saremo comunque persone diverse.

Racconto anonimo

Ultimi articoli

Leggi con noi

Micrologo

Tutte le mattine mi siedo al mio tavolo di lavoro, lo studio si trova all’ultimo piano e dalle alte finestre, oltre al cielo e alla chioma degli alberi, si vede un elegante edificio arricchito da un bugnato liscio che confina con un’anonima facciata cieca. 

leggi tutto

Il colore del vento

Tutte le mattine mi siedo al mio tavolo di lavoro, lo studio si trova all’ultimo piano e dalle alte finestre, oltre al cielo e alla chioma degli alberi, si vede un elegante edificio arricchito da un bugnato liscio che confina con un’anonima facciata cieca. 

leggi tutto

Seguici

Aiutaci a spargere la voce... Aiutaci a condividere quest'idea...
Aiutaci ad accendere altre finestre.

News

Iscriviti alla nostra newsletter

Ti terremo aggiornato su racconti e novità non perdertela !

Pin It on Pinterest

Share This