Illustrazione realizzata da Federica Fabbian

Apr 21, 2020 | 0 commenti

Senza più corse

Sono una donna, una mamma, una moglie con una vita normale, come quella di tante altre famiglie che all’improvviso si sono viste catapultare in una realtà completamente nuova. Le mie giornate erano solite volare via tra mille impegni: si cominciava la mattina presto tutti di corsa per cercare di arrivare puntuali a scuola e al lavoro; poi, sempre in fretta, ci si divideva tra spesa, casa, pranzo, attività sportive, compiti, cena, una vita talmente frenetica che spesso mi ero sentita dire “Simona rallenta”! Ma come fare? La vita scorreva intorno a me troppo velocemente.

 Poi all’improvviso è cambiato tutto, un giorno apparentemente come tutti gli altri, ci è stato ordinato di fermarci, di restare a casa: tutto è stato bloccato, le scuole, i negozi e le attività sono stati chiusi. Ho cominciato a sentire un senso di angoscia, di paura, di ansia perché mi sono resa conto che quello di cui parla la TV è qualcosa di grande, di sconosciuto. Avevo prestato poca attenzione al virus: la Cina era un paese troppo lontano da noi per spaventare, e anche quello di Codogno sembrava un piccolo focolaio che sarebbe svanito presto. Invece no. Il Covid 19 si è insidiato tra noi con forza, è contagioso, resiste a lungo: la paura sale, perché sono mamma di due bambine ancora troppo piccole e non posso permettermi di ammalarmi o peggio ancora di morire. 

E così la vita, le abitudini e i ritmi sono cambiati, adattandosi alle norme, forzati a stare in quella casa che fino a qualche giorno fa utilizzavo quasi solo per dormire. Mi sono resa conto che si può vivere benissimo anche senza correre, che stare a stretto contatto con i miei cari non è poi niente male. Ho riscoperto tanti piccoli piaceri che avevi dimenticato: le lunghe chiacchierate, preparare dolci sempre diversi, giocare con i miei figli, guardare tutti insieme un bel film sul divano… Le giornate passano, lente, certo, ma passano e ringrazio Dio ogni giorno di stare bene. 

Quando tutto questo finirà la vita di ognuno di noi cambierà: sicuramente vivrò la mia con molta più calma. Di sicuro, però, non riuscirò a evitare la corsa più importante di tutti: quella verso il mare!

racconto ispirato alla storia di Simona

Ultimi articoli

Leggi con noi

Micrologo

Tutte le mattine mi siedo al mio tavolo di lavoro, lo studio si trova all’ultimo piano e dalle alte finestre, oltre al cielo e alla chioma degli alberi, si vede un elegante edificio arricchito da un bugnato liscio che confina con un’anonima facciata cieca. 

leggi tutto

Il colore del vento

Tutte le mattine mi siedo al mio tavolo di lavoro, lo studio si trova all’ultimo piano e dalle alte finestre, oltre al cielo e alla chioma degli alberi, si vede un elegante edificio arricchito da un bugnato liscio che confina con un’anonima facciata cieca. 

leggi tutto

Seguici

Aiutaci a spargere la voce... Aiutaci a condividere quest'idea...
Aiutaci ad accendere altre finestre.

News

Iscriviti alla nostra newsletter

Ti terremo aggiornato su racconti e novità non perdertela !

Pin It on Pinterest

Share This